Torna al ufficiale sito web assassinscreed.com

assassin's creed beginnin ep.11




CAPITOLO11:




il sole stava ormai tramontando lasciando alla popolazione un attimo di fresco. Il gelo che veniva dal vicolo era però di tutt’altra natura. Altair si era cambiato da poco lasciando i suoi abiti  da assassino in un covolo di paglia poco lontano indossando gli abiti dell’uomo di cui ignorava l’identità. Il graffio sulla guancia provocato da uno dei coltelli di Aidha bruciava ancora. -hai smesso di leccarti le ferite nel orgoglio?- chiese Aidha appena apparsa;vestiva gli abiti di una delle due guardie a cui aveva tagliato la gola. Anche se aveva provato a levarlo alcune gocce di sangue erano rimaste incrostate sulla stoffa e sul metallo dell’elmo. Se il corpo e il viso non fossero stati così coprenti sarebbe stato anche fin troppo facile riconoscerla come donna. Aidha era tutto fuor che androgina. -andiamo? - Altair non rispose, si limitò ad incamminarsi verso la tana della loro preda. Il palazzo era grande ma non enorme,avrebbero potuto scalarlo in poco tempo e con le numerosi decorazioni e finestre sarebbe stato un gioco da ragazzi nascondersi ed entrare.A pochi passi dalla porta Aidha parlò di nuovo. - sii rilassato,deve sembrare una cosa naturale. Se sbagli questa missione ti ammazzo. Ma niente pressioni. - Altair fece in tempo a donare ad Aidha un più che meritato sguardo che stillava “stai scherzando?!”prima del suo -andiamo in scena. -




Davanti al portone di pesante legno scuro erano presenti due uomini armati di alabarde. Altair si aspettava che i due chiudessero a X le loro armi impedendogli il passaggio senza un nominativo ma non fù così.Appena i due li videro si misero sull’attenti in silenzio, come statua di sale, lasciando andare oltre i due. -vengono qui spesso,ogni due giorni alla stessa ora per bere del vino e per scambiarsi le tracce della loro corruzione. - disse fredda Aidha mentre guardava davanti a se per non far capire con chi stava parlando. Altair stava per parlare quando Aidha si irrigidì. -sta arrivando .- dalle scale bianche posizionate a destra dello spiazzo dove si trovavano stava scendendo un uomo dalla pelle olivastra che li ricadeva sulla cintura decorata in modo quasi disgustoso. Una vistosa pancia rimbalzava ogni volta che posava un piccolo piede porcino davanti all’altro. La sua faccia era larga con una grossa bocca dalle labbra sottili, più che ad un umano sembrava una strana rana. -Aginulfo! Che piacere rivederti! - “che schifo di nome” pensarono più o meno contemporaneamente i due assassini. Quando l’uomo arrivò davanti ad Altair gli prese calorosamente la mano anche se il ragazzo non gliela aveva porta. l’abilità di attore non era una delle cose che contraddistingueva Altair, troppo abituato ad uccidere senza farsi troppe domande. Il pensiero di infilzare una lama dritto nella cavità oculare dell’uomo che gli stava davanti solleticò la sua mente mal’intervento di Aidha interruppe qualsiasi sua lucubrazione. Quando Aidha strappò le mani dell’uomo per porre i suoi omaggi Altair rimase sorpreso dall’abilità con cui Aidha camuffava la  sua voce.Ok, era pur sempre una voce calda, ma riusciva a renderla così baritonale da renderla uguale all’uomo appena ucciso. Dopo poco l’uomo ben vestito li invitò con un cenno della mano ad entrare.-come hai fatto a convincerlo così facilmente?- chiese sottovoce Altair. -perché io elaboro dei piani mentre tu pensi con la tua lama celata- rispose sorniona la ragazza. -molto divertente. - in silenzio raggiunsero l’uomo entrando attraverso le grandi porti della villa.










non credevo di scrivere mai più su questo sito. dopo quasi un anno dal bug che mi impediva di entrare sono di nuovo qui. cavolo, ne è passato di tempo. tante cose sono cambiate. riguardare su questo vecchio sito mi ha fatto ritornare alla mente così tanti ricordi. questo capitolo lo avevo scritto anni orsono e solo ora riesco a pubblicarlo, anche se non c'è più nessuno che leggerà queste mie piccole storie spero di poter continuare a pubblicare qui la mia passione per questa saga. per ora è tutto spero di sentire qualcuno di voi presto.




lilith2.0

Tutela della privacy e cookie

Ubisoft usa dei cookie per garantirti la migliore esperienza sui suoi siti Internet. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Altre informazioni sulla nostra Tutela della privacy